Bologna Cagliari 2-0

Il Tosco l’ha vista così: Bologna – Cagliari 2-0

Esiste uno strano fenomeno socio-antropologico di contorsionismo verbale e scritto, stante l’epoca dei social, che fa diventare i tifosi uni e trini, a seconda di un primo tempo giocato male e di una ripresa giocata meglio: la squadra è la medesima, la qualità idem, le prospettive di conseguenza, e invece?
I pareri e le opinioni cambiano una due, tre, volte nei novanta minuti, ma il gollettino mette tutti d’accordo, fino alla prossima partita dove si azzera tutto e si riparte.

udinese bologna 1-1

Il Tosco l’ha vista così: Udinese – Bologna 1-1

Non riesco a capire cosa voglia fare questa squadra: ok, non vediamo più il pressing alto e l’uomo contro uomo a tutto campo ma nemmeno una squadra tutta sotto la linea della palla pronta alla ripartenza; non vediamo più il palleggio da dietro ( per buona pace dei suoi detrattori ) ma nemmeno la palla lunga sulle punte se non sporadicamente; non andiamo in profondità e allora proviamo in ampiezza, ma riempiendo poi poco l’area avendo, col nuovo modulo, un’attaccante in meno per un difensore in più e un centrocampista sempre bloccato.

empoli bologna 2-2

Il Tosco l’ha vista così: Empoli Bologna 4-2

L’idea Barrow seconda punta in coppia con Arnautovic faceva ben sperare, ma la distribuzione degli altri alle loro spalle lasciava più di una perplessità, non tanto per la configurazione della linea mediana, ma per la scelta degli interpreti: Vignato e Skov Olsen non sono calciatori pronti per la battaglia mentre Hickey, che gli attributi solitamente se li porta dietro, non è all’altezza della serie A, almeno per ora.

bologna genoa 2-2

Il Tosco l’ha vista così: Bologna Genoa 2-2

Segnali intermittenti di gioco ritrovato arrivano dal Dall’Ara in occasione della gara di ieri: dopo una prima mezzora giocata più tentando di cercare misure e linee di passaggio stando attenti a non cadere nelle trappole del pressing avversario, la squadra di Mihajlovic prende in mano la partita e tiene il controllo del gioco fino al termine nonostante l’alternanza del punteggio.

Atalanta Bologna 0-0

Il Tosco l’ha vista così: Atalanta – Bologna 0-0

Non ci voleva un’ingegnere nucleare ( cit. ) per capire che a volte bisogna adattarsi per portare a casa qualche zero a zero: centrocampo a tre, vero, cioè con mediano basso che non si allontana mai troppo dalla coppia dei centrali e interni che aiutano i terzini, che tra l’altro salgono il giusto, poco palleggio basso e nel caso palla alzata per Arnautovic, poi addirittura difesa a 5 cioè con tre centrali e due terzini veri ( Tomiyasu a sinistra e De Silvestri a destra ), sperando che arrivi in fretta il novantesimo; tutto in una sola partita, per giunta.